06.4870125 06.87459039 Chi siamo  Contattaci
Mar 29  

CREA: Comunicato al personale

CREARoma, 29 marzo 2019

Dimissioni di parte del CdA mettono a rischio la continuità dell'Ente

La grave crisi che si è abbattuta sul CREA non accenna ad essere superata, ed il personale e la comunità scientifica sono in grosse difficoltà nel portare avanti la propria attività.
Con le dimissioni di 2 Consiglieri su 5, arrivate oggi, il CREA è a forte rischio di rappresentatività e l'organo di vertice è al momento indebolito nella capacità di prendere le necessarie decisioni anche di natura ordinaria. Questo Consiglio aveva insediato, solo poche settimane fa, con procedura d'urgenza, il Direttore Generale f.f. , intervenendo su delibere pregresse, revocandole e consentendo il superamento delle prime criticità conseguenti alle prime misure cautelari adottate dall'autorità giudiziaria.


Avevamo appreso nei giorni scorsi, da comunicazioni di qualche Consigliere, che il Ministro avrebbe chiesto le dimissioni ai consiglieri per procedere al Commissariamento, ma -sembrerebbe - non prima dei 10-15 gg necessari per completare l'iter procedurale di nomina. In tale periodo i Consiglieri avrebbero dovuto assicurare la continuità dell'azione amministrativa, per dimettersi solo in presenza dell'atto formale di insediamento della nuova struttura commissariale.
Con le dimissioni dei 2 Consiglieri si è invece verificato uno scenario diverso, in quanto si è dimesso anche il Consigliere con delega di firma, il che mette a rischio tutte le attività ivi comprese quelle che attengono anche all'attività dei ricercatori.
I 2 Consiglieri dimissionari hanno ceduto di fronte alle responsabilità di Governo dell'Ente, e ciò in una fase cruciale di transizione; ciò ha determinato un aggravarsi della già pesantemente critica situazione dell'Ente.
E' per questi motivi che la UIL RUA, unitariamente alle altre sigle confederali, in data 28 marzo ha richiesto l'autorizzazione per tenere un presidio giovedì 4 aprile presso il Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo.
E' di tutta evidenza l'urgenza di misure straordinarie – di natura gestionale ed economica - da parte del Ministro e del Ministero, per mettere in tutela l'ente e tutto il personale che non può subire danni professionali e personali.

 

Federazione UIL SCUOLA RUA
"Ricerca Università Afam"
C R E A
Mario Finoia

 

stampa

Torna in alto
Top of Page