26 Nov 2016

INAF: Comunicato al Personale

inaf ctIncontro 22-11-2016 INAF/OO.SS.

Il giorno 22 novembre u.s. si è tenuto un incontro nella sede centrale dell'INAF con il nuovo Direttore Generale.

L'incontro, che il Direttore Generale non ha inteso rinviare, nonostante l'assenza del Presidente, è stato (e non poteva essere diversamente in quanto la delegazione non era formalmente costituita) un incontro essenzialmente informativo e tutt'altro che formale.

Il Direttore Generale, nel presentarsi, si è dichiarato attento e sensibile alle questioni del personale, impegnandosi a chiudere rapidamente le questioni pregresse ed aprire un tavolo negoziale ed individuare condivise soluzioni, flessibili ed intelligenti, per incentivare e non penalizzare il personale e per superare ostacoli dei controlli troppo eccessivi.

Il Sindacato ha auspicato che tali impegni e buoni propositi non restino mere dichiarazioni come è avvenuto con l'insediamento del neo Presidente. Infatti, dopo oltre un anno, tutte le varie intese sottoscritte con il nuovo Presidente non hanno sin qui trovato applicazione.

Il Direttore Generale, entrando concretamente nel merito delle singole questioni aperte, ha riscontrato che i ritardi nell'applicazione delle "ipotesi di accordo" sottoscritte (prima firma), riguardanti il salario accessorio, derivano dalla mancata trasformazione delle stesse in "accordo" da sottoscrivere definitivamente (seconda firma) tra INAF e OO.SS. dopo aver ottenuto, nell'ordine, le seguenti approvazioni:

1) certificazione da parte del Collegio dei Revisori dei Conti dell'INAF dell'ipotesi di accordo corredata da una specifica relazione tecnico-finanziaria ed una relazione illustrativa;
2) delibera del C.d.A.;
3) accertamento, congiunto, della compatibilità economico-finanziaria, entro 30 giorni, da parte dei Ministeri Vigilanti (F.P. e M.E.F.) delle ipotesi di accordo; vige la formula del "silenzio assenso" ma eventuali rilievi o chiarimenti sospendono il termine di 30 giorni che si riattiva dal ricevimento delle risposte ai rilievi istruttori;
4) autorizzazione del C.d.A. alla delegazione INAF a stipulare il contratto integrativo;
5) sottoscrizione definitiva (seconda firma) con la trasformazione dell'"ipotesi di accordo" in "ACCORDO" immediatamente applicabile.

A tale rigida procedura, prevista dall'Art.40 bis del D.Lgs. 165/01, a noi ben nota, il Direttore Generale ha dichiarato di doversi attenere (e non poteva essere diversamente); ogni iniziativa difforme è da ritenersi illegittima.

Pertanto dalle verifiche sino ad oggi effettuate, nei primi 35 giorni del Direttore Generale, nel citato incontro del 22 u.s. è stata rappresentata la seguente situazione.

SALARIO ACCESSORIO

ANNO 2010

La procedura autorizzativa, rispetto alle modalità di utilizzo delle risorse del salario accessorio 2010, è ferma ancora al punto 1) di cui alle premesse.

Risulta infatti che il Collegio dei Revisori, solo recentemente, abbia certificato la relativa ipotesi di accordo.

Certificazione, per altro ad oggi ancora non formalizzata, e che dovrà poi seguire l'iter procedurale precedentemente descritto per arrivare al punto 5) con la formale stipula di sottoscrizione definitiva, tra INAF e OO.SS., del contratto integrativo 2010.

Questa procedura comprende e formalizza, anche e non solo, la selezione Art.53 (gradoni) con decorrenza 1-1-2010, già espletata ancorché non autorizzata.

Con tale operazione si dovrebbe risolvere il problema delle 12 unità di personale che, pur essendo positivamente valutate, non hanno ancora ottenuto la maggiorazione economica spettante; l'INAF onorerebbe così il "Verbale d'Intesa" sottoscritto dal Presidente e Direttore Generale il 17-2-2016.

ANNI 2011-2012-2013-2014

La certificazione della costituzione del fondo 2010 ed il suo utilizzo costituiscono la base per la determinazione e successivamente per l'utilizzo dei fondi relativi agli anni 2011-2012-2013-2014 anch'essi tuttora sottoposti alla certificazione del Collegio dei Revisori.

Il Direttore Generale si è impegnato, a certificazione avvenuta, a trasmettere la relativa documentazione alle OO.SS. ed ha però preannunciato che il Collegio ha già anticipato l'orientamento di tagliare, a partire dal fondo 2011, le risorse storiche non utilizzate nell'applicazione dell'Art.53 corrispondenti a circa 69.000 euro.

Il Sindacato ha espresso la sua netta contrarietà a tale taglio, in quanto immotivato e ritenuto illegittimo rispetto alle modalità di costituzione del fondo; taglio che una volta operato resta consolidato e produrrebbe effetti negativi anche per gli anni successivi.

Nel solo quadriennio 2011-2014 esso determina, per il personale dei livelli IV-VIII, una perdita media complessiva individuale per il suddetto periodo pari a circa 640 euro (160 euro/anno).

L'ipotesi di accordo del contratto integrativo INAF 2011-2014 sottoscritta in data 24 febbraio 2016 è ancora bloccata in quanto deve essere certificata dal Collegio dei Revisori dei Conti per poi iniziare l'iter approvativo presso i Ministeri Vigilanti.

Per recuperare i ritardi accumulati la UIL RUA ha proposto al Direttore Generale di far partire da subito le laboriose procedure per l'attribuzione dell'indennità di responsabilità e della produttività; si sarà così pronti ad erogare i relativi compensi non appena concluso positivamente l'iter di certificazione e controllo degli Organi Vigilanti.

Per quanto riguarda l'applicazione dell'Art.54 e dell'Art.53 posti a carico del fondo 2013 per un importo pari a 258.421 euro, la UIL RUA, come già evidenziato nella nota a verbale del 24-2-2016, considerata la posizione dei Ministeri Vigilanti contraria alla retroattività delle suddette progressioni, propone di modificare l'ipotesi d'accordo, ancora da certificare.

Con lo slittamento della decorrenza dell'Art.54 e dell'Art.53 al 2016/2017 come sostiene la Funzione Pubblica, le risorse a tale scopo non utilizzate incrementano il fondo per la produttività per gli anni 2013-2014-2015/2016 per un importo medio individuale di 258 euro per ciascun anno.

ANNO 2015

Il Direttore Generale si è impegnato a chiedere al Collegio dei Revisori di certificare contestualmente anche il CCNI 2015 che, com'è noto, prevede un considerevole incremento di entrambi i fondi del salario accessorio dei livelli I-III e dei livelli IV-VIII da utilizzare per incrementare rispettivamente l'indennità per oneri specifici e l'indennità di ente mensile.

BENEFICI ASSISTENZIALI

Il Direttore Generale si è impegnato a verificare in tempi brevi la possibilità giuridica di adesione alla POLIZZA SANITARIA UNISALUTE stipulata dal CNR.

Contestualmente viene riattivata la procedura di revisione dei vari Regolamenti per l'erogazione dei Benefici Assistenziali a partire da quello dei SUSSIDI.

CALENDARIO INCONTRI

È in via di definizione un calendario di incontri con all'ordine del giorno le varie code contrattuali a partire dal riconoscimento dell'anzianità maturata con contratto a T.D..

INFORMATIVA YOU TUBE

Sul canale YOUTUBE UIL-RUA INAF al seguente link: https://www.youtube.com/channel/UCdTn7cskKWNX9qQ6VlADIGA è possibile seguire un nostro video-messaggio sull'incontro del 22 novembre u.s. come riportato nel presente comunicato.

Mentre sul canale YOU TUBE UIL RUA CNR è possibile vedere l'Assemblea degli EPR del 16 novembre u.s. tenutasi al CNR con la partecipazione del Segretario Generale della UIL Carmelo BARBAGALLO.

UIL RUA
Mario Ammendola

stampa

Torna in alto
Top of Page