06.487012506.87459039  nazionale@uilrua.it   Contattaci
Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 170
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 177
Feb 05

AFAM: "STATI GENERALI DELL' AFAM

ministero istruzioneRoma 5 febbraio

 

AFAM: “STATI GENERALI DELL’ AFAM”

 

“Nessuno sviluppo senza risorse”

 

Il Vice Ministro Lorenzo Fioramonti ha indetto gli “Stati Generali dell’ AFAM” nelle giornate dell’ 8 e del 9 febbraio 2019 fissando questi obbiettivi: aprire un confronto per traghettare definitivamente il sistema verso un’organizzazione stabile e organica degli studi di livello terziario e guardando all’innovazione del settore nel pieno rispetto della sua storia e peculiarità disciplinare”. Le due giornata saranno dedicate all’approfondimento di alcuni fra i temi

prioritari per lo sviluppo del sistema Afam (Internazionalizzazione, Ricerca e Terza missione, Qualità e Valutazione, Placement, Programmazione dell’Offerta, Modelli di Reclutamento e Governance).

 

 

Le modalità operative per lo svolgimento sono state comunicate solo pochi giorni fa la Federazione Uil Scuola Rua è stata invitata a partecipare con soli due partecipanti, mentre le Istituzioni parteciperanno con quattro rappresentanti: Direttore, Presidente, Direttore Amministrativo, e rappresentate degli studenti.

 

La nostra organizzazione seguirà da vicino tutte le fasi di questo lungo confronto che a detta del Vice Ministro avrà la sua apertura l’8 febbraio e proseguirà nei prossimi mesi con tavoli specifici per affrontare tutte le specificità del settore che da troppo tempo aspetta risposte definitive. Ci auguriamo che non si ripeta quanto già avvenuto in passato, che agli Stati Generali non segua un percorso serio di confronto ver, le cui conseguenze sono sempre più evidenti.

 

Ormai è troppo tempo che la politica non si occupa dell’Alta Formazione Artistica e Musicale, nella legge di bilancio 2019 non è stata prevista nessuna risorsa che possa far presagire un cambio di rotta, le entrate delle istituzioni gravano quasi esclusivamente sugli studenti attraverso le tasse di frequenza.

 

Gli organici sono bloccati al periodo pre-riforma, mancano le risorse necessarie per garantire un miglior servizio in termini di risorse umane, strutture e miglioramento dell’offerta formativa.

 

Se veramente si vuole valorizzare e migliorare il sistema, la politica deve accettare l’idea che lo sviluppo e la valorizzazione non può avvenire senza un investimento in termini economici sul settore.

 

La Segreteria Nazionale

 

Torna in alto
Top of Page