06.4870125 06.87459039 Chi siamo  Contattaci
Informativa:     Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento.     Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

PER SALVARE L'UNIVERSITA' RISOLVERE SUBITO IL DRAMMA DEL PRECARIATO UNIVERSITARIO

simboli-comparti universitaNegli ultimi anni nell'Università italiana il numero dei precari è cresciuto a dismisura (oltre 40.000) ed essi sono stati e sono costretti ad anni e anni di incertezza, di scarsa retribuzione e di subalternità. Gli attuali precari, sparpagliati in una giungla di figure, sono destinati, come coloro che li hanno preceduti, all'espulsione dall'Università. Infatti non si è mai data ai precari una seria possibilità di concorrere a posti di docenza a tempo indeterminato. Insomma, precari "usa e getta", con i quali tamponare l'emergenza, salvaguardando i sempre più ridotti livelli di ricerca e di didattica nell'Università italiana.

LA SOLUZIONE

Per assicurare all'Università l'indispensabile ricambio generazionale, pena la sua completa desertificazione, e per dare risposte adeguate e immediate alle migliaia di ricercatori precari, è necessario il reclutamento straordinario di almeno 20.000 posti (4.000 all'anno per cinque anni) di RTDb o di terza fascia (RTI), così da riportare il numero dei docenti universitari di ruolo a quello del 2008, avvicinando l'Italia alla media europea nel rapporto tra numero dei docenti/ricercatori e numero degli abitanti.

E' altrettanto indispensabile cancellare la giungla delle attuali figure pre-ruolo, riconoscendo a tutti i pieni diritti di lavoratori, ed è necessario introdurre una nuova figura a tempo determinato di breve durata e con reale autonomia di ricerca. A questa figura devono essere riconosciuti pieni diritti e devono essere assicurati adeguati sbocchi in ruolo.

LE ALTRE URGENZE

Altri provvedimenti urgenti e necessari sono la netta separazione delle procedure del reclutamento in ruolo da quelle relative alle progressioni di carriera, l'introduzione del docente unico, l'abolizione dei punti organico, il superamento dell'ANVUR che sta commissariando l'Università e l'istituzione di una anagrafe nazionale della ricerca.

ADI, AIDU, AIPAC, ANDU, ARTeD, CISL Università,
CNU, CONFSAL-CISAPUNI-SNALS, CoNPAss, CRNSU, Federazione UGL Università,
FLC-CGIL, LINK, RETE29Aprile, SNALS Docenti Università, UDU, UIL RUA

Torna in alto

rsu2018 263

 RSU 2015     RSU 2012

RSU 2007     RSU 2004

RSU 2002 ENEA

RSU 2001     RSU 1998

Copertura Infortuni
e Piano Assistenza UIL RUA

LOGO-Laborfin08-copertura-TESSERINA-UIL-RUA 2018 tesserina-uil-rua-salute-sito ruotata

Polizza Assicurativa
Responsabilità Civile

Personale Infermieristico
generali
bhitalia
Vai alla pagina

Polizza Assicurativa
Responsabilità Civile
Dirigenza Medica e Sanitaria
generali
Vai alla pagina

CENTRALITA’
ALLA RICERCA PUBBLICA

IL “DECALOGO"
DELLA UIL RUA
(delega ex art.13 Legge Madia)

2014 congresso manifesto orizzontale

logo DonnaNews

 LOGO-SERVIZI

I nostri esperti sono a disposizione
per chiarimenti in materia
di fisco e previdenza
Clicca qui per accedere

archivio 1archivio 2

archivio 3
archivio 4
archivio 5

fondoperseo

professionisti

webmail

rassegna stampa cnr

rassegna stampa miur

webgiornale

Top of Page