06.4870125 06.87459039 Chi siamo  Contattaci
Informativa:     Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento.     Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

E’ COSI’ CHE SI PREFIGURANO LE CARRIERE ALL’UNIVERSITA’ TOR VERGATA?

torvergataRoma, 26 aprile 2017
Il 20 aprile u.s. abbiamo finalmente ricevuto in contrattazione i documenti più volte richiesti.
La nostra attenzione è stata attratta in particolare dall'elenco dei partecipanti ai corsi di formazione pagati dall'Università.

Premesso che non ci è chiaro come si viene "scelti" per partecipare, in quanto manca ogni forma di selezione che consenta ai lavoratori di manifestare il proprio interesse, non possiamo che ipotizzare che i partecipanti siano stati mandati d'ufficio ai corsi.
Per alcuni le motivazioni sembrano evidenti: per altri, permangono forti dubbi.

Ad esempio, un Master ("Management dell'Università e della Ricerca") da svolgere presso il Politecnico di Milano è stato "autorizzato" a due dipendenti, per un totale di 27.000€ cui vanno ovviamente aggiunti i costi di missione, che ipotizziamo all'incirca ammontare ad altri 30.000€.

Uno dei due dipendenti risulta essere di categoria B, quindi con una qualifica professionale quantomeno "disallineata" rispetto al Master, che resta titolo qualificante e spendibile all'esterno dell'Ateneo, anche a livello individuale.

In primo luogo, infatti, ci chiediamo quali siano stati i criteri usati per "selezionare" quell'unico dipendente, inquadrato come B e scelto tra tutti gli altri di stessa professionalità B ma anche tra i C, i D e gli EP.

Se – come qualcuno suggerisce – la motivazione fosse nel titolo di studio già posseduto, a maggior ragione ci saremmo aspettati di vedere un EP in pole-position, seguito a ruota da un D, da un C e da un B in ordine inverso!

Anche rispetto all'investimento che l'Università sostiene per la formazione, riteniamo che essa debba essere coerente con la professionalità: quindi , per un B ci saremmo aspettati corsi di formazione di altra natura, magari professionalizzanti.

Inoltre, per due soli dipendenti (di cui uno B) vengono impegnati 57.000€: in due anni lo stanziamento totale - comprensivo dell'integrazione 2017 - per i corsi di formazione sostenuti dall'Università ammonta a 77.000€ circa. Ben poco resta quindi per tutti gli altri 950 dipendenti dell'Università: è una media di 21€ a testa.
Ora, premesso che forse qualcuno ci spiegherà che i nostri conti vanno rivisti, resta un fatto: questo modo di procedere non ci convince nè nel metodo né nel merito.

Nel metodo, perché non consente nessuna "candidatura" dei lavoratori; nel merito, perché potrebbe apparire come un modo per fare titoli e quindi prefigurare le carriere interne.
Tale impressione, avendo la UIL RUA richiesto di conoscere categorie e aree di appartenenza dei partecipanti ai corsi, è rafforzata dal fatto che a tutt'oggi continuiamo a ricevere documenti che indicano il titolo di studio posseduto individualmente, anziché la categoria e l'area di inquadramento come richiesto!!
Per toglierci ogni dubbio, la UIL RUA si riserva di verificare in tutte le sedi legittimità ed opportunità.

UIL RUA UNIVERSITA' TOR VERGATA

stampa

Torna in alto

rsu2018 263

 RSU 2015     RSU 2012

RSU 2007     RSU 2004

RSU 2002 ENEA

RSU 2001     RSU 1998

Copertura Infortuni
e Piano Assistenza UIL RUA

LOGO-Laborfin08-copertura-TESSERINA-UIL-RUA 2018 tesserina-uil-rua-salute-sito ruotata

Polizza Assicurativa
Responsabilità Civile

Personale Infermieristico
generali
bhitalia
Vai alla pagina

Polizza Assicurativa
Responsabilità Civile
Dirigenza Medica e Sanitaria
generali
Vai alla pagina

CENTRALITA’
ALLA RICERCA PUBBLICA

IL “DECALOGO"
DELLA UIL RUA
(delega ex art.13 Legge Madia)

2014 congresso manifesto orizzontale

logo DonnaNews

 LOGO-SERVIZI

I nostri esperti sono a disposizione
per chiarimenti in materia
di fisco e previdenza
Clicca qui per accedere

archivio 1archivio 2

archivio 3
archivio 4
archivio 5

fondoperseo

professionisti

webmail

rassegna stampa cnr

rassegna stampa miur

webgiornale

Top of Page